Più che triplicato (+226%) il fabbisogno dello Stato nei primi 8 mesi

1 Settembre 2020, di Alberto Battaglia

Il fabbisogno del settore statale nei primi otto mesi dell’anno in corso è stato pari a circa 106.000 milioni, in aumento di circa 73.500 milioni rispetto a quello registrato nello stesso periodo del 2019: è quanto ha comunicato il Mef in una nota, dalla quale risulta un aumento del fabbisogno di circa il 226%. Un risultato al quale non possono che essere ricondotte le molteplici spese dovute al contrasto della pandemia di coronavirus.

Nel solo mese di agosto, ha fatto sapere via XX Settembre, il saldo del settore statale si è chiuso, in via provvisoria, con un fabbisogno di 3.500 milioni, in peggioramento di circa 1.300 milioni rispetto al risultato del corrispondente mese dello scorso anno (-2.239 milioni)

“Nel confronto con il corrispondente mese del 2019, il saldo ha risentito della maggiore spesa delle Amministrazioni pubbliche per l’erogazione delle prestazioni previste dai provvedimenti legislativi emanati al fine di contenere l’emergenza Covid-19. Tale spesa è stata parzialmente compensata da un lieve aumento degli incassi fiscali”, ha commentato il Mef nel suo comunicato.