Pil Usa rivisto in rialzo, ma non sorprende nessuno

24 Novembre 2015, di Daniele Chicca

La crescita economica americana è stata più amplia di quanto riportato in precedenza ma comunque meno delle stime. Nel terzo trimestre l’espansione del Pil è stata del 2,1% su base annuale e dello 0,5% rispetto al periodo precedente.

Il dato precedente indicava la crescita a +1,5%, in linea con le stime. Il dato è in sintonia con quello pubblicato dal Regno Unito e maggiore del timido +0,3% registrato dall’Eurozona.

Gli investimenti aziendali sono stati più alti di quanto riportato un  mese fa (+2,4% contro +2,1%), ma a deludere sono state le spese al consumo (+3% da +3,2%), che tanto valgono per un’economia che per circa due terzi fa affidamento sui consumi.

Le cifre non sono sufficienti a risollevare il mercato azionario e il dollaro Usa, entrambi appesantiti dalle rinnovate tensioni geopolitiche.