Petrolio, l’altro fattore ribassista: l’Iran aumenterà livelli di produzione

23 Novembre 2015, di Alessandra Caparello

TEHERAN (WSI) –  Ancora giù il prezzo del petrolio dopo le dichiarazioni di Bijan Zanganeh, ministro del petrolio iraniano il quale ha affermato dinanzi alla stampa che l’Iran aumenterà i propri livelli di produzione una volta che le sanzioni occidentali saranno revocate.

Bijan Zanganeh ha detto ai giornalisti che subito dopo la revoca delle sanzioni anti-nucleari, l’Iran esporterà 500 mila barili di petrolio al giorno in più, rispetto agli attuali 1,3 milioni, e ha aggiunto di prevede che l’OPEC non cambierà la sua politica quando si riunirà il mese prossimo.

“Per aumentare la produzione di petrolio dell’Iran nel mercato globale dopo la revoca delle sanzioni, non abbiamo bisogno del permesso dell’Opec o di qualsiasi altra organizzazione”.

Intanto il prezzo del greggio viaggia al di sotto dei 40,70 dollari al barile, registrando un – 3%, in calo di 1,20 dollari.