Parlamento Ue chiede certificazione unica per l’olio di palma importato

5 Aprile 2017, di Alberto Battaglia

Il Parlamento europeo invoca la Commissione affinché intervenga sulla regolamentazione dell’olio di palma: una risoluzione votata con 640 “sì”, 18 “no” e 28 astenuti chiede che l’esecutivo Ue introduca un sistema di certificazione unico che restringa le importazioni al solo olio di palma sostenibile. Norme più stringenti dovrebbero riguardare anche l’origine dell’olio di palma contenuto in prodotti lavorati arrivano dall’estero.
Non solo, il Parlamento ha sollecitato la graduale eliminazione di questo grasso dalla composizione dei biocarburanti, un utilizzo che in Europa assorbe il 46% delle importazioni.
L’olio di palma è da mesi al centro di accesi dibattiti in merito alla sua sostenibilità ambientale e alla sua salubrità. Le coltivazioni della palma da olio, che si trovano principalmente nel Sud-Est asiatico, spesso alterano l’ecosistema di vaste aree.
La risoluzione non vincolante del parlamento è stata criticata dal governo della Malaysia (Paese fra i maggiori produttori), come “non leale”.