Panama Papers: Nuova Zelanda paradiso fiscale degli ultra ricchi

9 Maggio 2016, di Alberto Battaglia

Una nuova analisi dell’immensa banca dati fuoriuscita dagli archivi dello studio Mossack Fonseca ha mostrato come la Nuova Zelanda, e il suo regime fiscale particolarmente generoso, siano stati snodi importante per le società fantasma dei super ricchi latinoamericani. In seguito all’analisi di 61mila documenti facenti parte del leak dei Panama Papers alcuni giornali neozelandesi hanno messo alle strette il premier John Key in merito alla complicità del legislatore al consueto schema finalizzato all’evasione del fisco.

“Se ci sarà il bisogno di cambiamenti in quest’area, il governo li considererà e se necessario passerà all’azione”, rassicura Key, smentendo però che il Paese sia un paradiso fiscale. Le opposizioni hanno comunque colto l’occasione per invitare il premier ad azioni più decise contro “l’industria dell’evasione fiscale” e per “preservare la reputazione della Nuova Zelanda”.