13:19 venerdì 2 Settembre 2016

Padoan: non siamo in “stagnazione secolare”

Qualcuno la chiama stagnazione secolare, ma è incentivo a fare di più, non deve generare pessimismo: questo uno dei passaggi dell’intervento del ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, al Forum Ambrosetti di Cernobbio. Per sintetizzare la situazione dell’economia globale, Padoan ha ricordato come “c’è tanto risparmio, forse troppo, e ciò è il sintomo e la conseguenza di una prudenza, di una reticenza a investire”, mentre allo stesso tempo “si investe troppo poco perché non si ha fiducia nelle prospettive di profitto: si tratta di due tendenze aggregate che tendono a permanere, a consolidarsi e qualcuno associa questa tendenza, con qualche ragione, alla nozione di stagnazione secolare”.
Il ministro poi ha specificato che personalmente non ritiene che il mondo sia in una stagnazione secolare (“io non lo penso”): “Già domani mi aspetto titoli sui giornali che dicono che il ministro dell’Economia parla si stagnazione secolare. Non ho detto che siamo in stagnazione secolare ma che ci sono sintomi di malessere più profondi di quanto pensassimo”.

Breaking news

09:09
Piazza Affari apre sotto la parità, Tim in controtendenza

Avvio debole per Piazza Affari, dopo la Fed. Tim in luce, Moody’s alza il rating a Ba3 con outlook positivo

09:03
Tim: Moody’s alza il rating a Ba3 da B1, Outlook positivo

Tim sotto la lente di Moody’s che alza il rating a Ba3 da B1, outlook positivo

08:52
Nagel (Bce): “Inflazione di fondo ostinata, serve cautela”

Joachim Nagel, membro della Bce, ha evidenziato che l’inflazione di fondo resta tenace e ha esortato a rimanere cauti sui tassi di interesse

08:44
Enel finalizza cede asset in Perù e riduce debito di €2,9 mld

Enel ha finalizzato l’accordo siglato nell’aprile 2023 relativo agli asset di distribuzione in Perù e riduce debito di 2,9 miliardi

Leggi tutti