18:01 venerdì 22 Dicembre 2017

Orban annuncia che bloccherà sanzioni Ue contro la Polonia

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha annunciato che l’Ungheria bloccherà, tramite il potere di veto che ha sulla decisione del Consiglio europeo, qualsiasi azione per sospendere i diritti di voto della Polonia nell’Unione europea. La Commissione europea ha recentemente avviato un procedimento per innescare l’articolo 7 contro la Polonia per violazione dei valori comuni europei e dello stato di diritto, in seguito a una legge che allarga i poteri del governo sull’Alta Corte di giustizia nazionale.

“Dobbiamo chiarire all’Ue che è inutile financo avviare un procedimento nei confronti della Polonia poiché non vi è alcuna possibilità di vederlo realizzato – perché l’Ungheria sarà lì e costituirà un ostacolo insormontabile”, ha detto Orban. Secondo il vicepresidente della Commissione Frans Timmermans il partito Libertà e giustizia, che è allguida del Paese, ha approvato 13 leggi negli ultimi due anni creando una situazione nella quale lo stato “può interferire sistematicamente con la composizione, i poteri, l’amministrazione e il funzionamento” della magistratura.

Breaking news

08:59
Germania: prezzi alla produzione sopra attese a marzo

A marzo, i prezzi alla produzione della Germania hanno segnato un incremento dello 0,2% su base mensile e un calo del 2,9% su base annua

08:53
Kazaks (Bce): “L’inflazione nell’area euro è ancora una sfida”

Per Kazaks, membro della BCE, è presto per dichiarare sconfitta l’inflazione nell’area euro, ma un taglio dei tassi a giugno è probabile

08:37
UniCredit: rimborso anticipato titoli per $1,25 mld

Unicredit rimborserà anticipatamente le “Non Cumulative Temporary Write-Down Deeply Subordinated Fixed Rate Resettable Notes”

07:43
Netflix annuncia utili e fatturato meglio delle stime, abbonati +16% nel primo trimestre. Titolo giù a Wall Street

Il colosso americano dello streaming ha annunciato di aver concluso il primo trimestre del 2024 con un utile netto di $2,33 miliardi, o di $5,28 per azione, meglio degli $1,30 miliardi, o di $2,88 per azione, riportati nello stesso periodo dell’anno precedente.

Leggi tutti