Ocse al G20: governi riformino economie oppure elettori li puniranno

17 Marzo 2017, di Daniele Chicca

L’Ocse ha mandato un monito ai governi dei paesi più ricchi del mondo: riformate le vostre economie e riducete le disuguaglianze, avverte il think tank, altrimenti gli elettori vi si rivolteranno contro. L’organizzazione parigina, che raggruppa 35 degli Stati economicamente più benestanti al mondo, ha lanciato un appello autorità perché agiscano in modo che un maggiore numero di persone tragga benefici dalla crescita.

Il think tank dice che se le economie non vengono riformate, le autorità al potere rischiano di perdere l’appoggio e la fiducia degli elettori. Nel rapporto presentato dal segretario generale dell’Ocse Angel Gurria ai ministri delle Finanze della riunione del G20 in corso in Germania, si consiglia di delineare una strategia a lungo termine per mercato del lavoro, spese per le infrastrutture e innovazione. In media il 40% dei cittadini dei paesi Ocse ha fiducia nel proprio governo. Significa che attualmente sei persone su dieci non si fidano dell’operato dei loro governi.