Nuovi guai per Google: avrebbe raccolto dati su 50 milioni di pazienti a loro insaputa

13 Novembre 2019, di Mariangela Tessa

Nuovi guai per Google. Le autorità americane hanno aperto un’indagine su “Nightingale”, un progetto realizzato dal colosso Internet con Ascension, la più grande organizzazione cattolica di servizi sanitari al mondo. Durante la  realizzazione del progetto, sarebbero stati raccolti dati di 50 milioni di dati di pazienti americani a loro insaputa

Tra i dati trasferiti segretamente, accessibili allo staff di Google, ci sono anche le generalità e la storia medica dei pazienti.  La notizia anticipata dal Wall Street Journal, è stata confermata da Google che ha ammesso di avere gestito i dati, ma sostiene di non avere violato la legge.