Nuova Zelanda annuncia web tax contro multinazionali digitali

18 Febbraio 2019, di Alberto Battaglia

La Nuova Zelanda ha annunciato un aggiornamento delle leggi fiscali inteso a tassare le entrate delle società digitali multinazionali come Google, Facebook e Amazon.

Il primo ministro Jacinda Ardern ha detto che “l’attuale sistema fiscale non è equo nel modo in cui tratta i singoli contribuenti, rispetto alle multinazionali”. In particolare, l’attuale normativa consentirebbe ai giganti del web di non pagare l’imposta sul reddito sui profitti realizzati nel Paese.

Il valore dei servizi digitali transfrontalieri in Nuova Zelanda è stimato in circa 1,86 miliardi di dollari americani. La stima dei ricavi di una tassa sui servizi digitali arriverebbe fino a 54 milioni di dollari, ha detto il ministro delle finanze Grant Robertson.