Moody’s esclude recessione nel 2020, ma avverte: “economia globale resterà fragile”

19 Novembre 2019, di Mariangela Tessa

Le condizioni del credito globale nel 2020 si indeboliranno a causa dei crescenti rischi di una recessione economica, dell’incertezza della politica commerciale e degli effetti di un ambiente politico e geopolitico imprevedibile.

È quanto scrivono gli analisti di Moody’s in una nota in cui affermano che l’economia globale rimarrà fragile nel 2020, dopo un anno, il 2019, che segnerà la crescita globale più dal 2009.

Sebbene non preveda una recessione nel 2020, Moody’s afferma che i rischi di recessione si stanno sviluppando in un contesto di incertezza della politica commerciale, un ambiente politico e geopolitico imprevedibile e uno spazio limitato di intervento della politica fiscale e monetaria nelle economie avanzate.

Moody’s prevede inoltre che i tassi di interesse rimarranno bassi e che le curve dei rendimenti rimarranno invariate per diversi anni, con effetti creditizi misti per settore.