08:11 martedì 19 Novembre 2019

Moody’s esclude recessione nel 2020, ma avverte: “economia globale resterà fragile”

Le condizioni del credito globale nel 2020 si indeboliranno a causa dei crescenti rischi di una recessione economica, dell’incertezza della politica commerciale e degli effetti di un ambiente politico e geopolitico imprevedibile.

È quanto scrivono gli analisti di Moody’s in una nota in cui affermano che l’economia globale rimarrà fragile nel 2020, dopo un anno, il 2019, che segnerà la crescita globale più dal 2009.

Sebbene non preveda una recessione nel 2020, Moody’s afferma che i rischi di recessione si stanno sviluppando in un contesto di incertezza della politica commerciale, un ambiente politico e geopolitico imprevedibile e uno spazio limitato di intervento della politica fiscale e monetaria nelle economie avanzate.

Moody’s prevede inoltre che i tassi di interesse rimarranno bassi e che le curve dei rendimenti rimarranno invariate per diversi anni, con effetti creditizi misti per settore.

Breaking news

17:36
Piazza Affari in calo ma positiva nella settimana

Finale negativo a Piazza Affari e in Europa dopo i dati deboli sugli indici Pmi. La settimana si chiude comunque in rialzo

17:28
Expert.ai, via libera al bilancio 2023: nominato il nuovo CdA

L’assemblea degli azionisti di expert.ai ha approvato il bilancio di esercizio 2023 e deciso di riportare a nuovo la perdita. Inoltre, è stato nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione composto da 11 membri.

17:26
USA, settore servizi in espansione a giugno: indice PMI ai massimi da un anno

L’attività nel settore dei servizi negli Stati Uniti è rimasta in espansione a giugno, secondo la lettura preliminare dell’indice servizi PMI di Markit. L’indice è salito a 55,1 punti, il livello più alto dell’ultimo anno, superando le aspettative degli analisti.

15:37
Ferrari, investimento da 200 milioni per il nuovo e-building a Maranello

Ferrari ha investito circa 200 milioni di euro per la costruzione del nuovo e-building a Maranello. L’azienda ha utilizzato fondi propri, senza ricorrere ai proventi del recente bond da 500 milioni di euro. Il nuovo impianto produrrà auto termiche, ibride ed elettriche a partire dal 2025.

Leggi tutti