Merkel: nessuna ragione per rimuovere sanzioni contro la Russia

19 Agosto 2016, di Alberto Battaglia

Nessuna ragione per fare retromarcia sulle sanzioni alla Russia: secondo la cancelliera tedesca, Angela Merkel, l’oltraggio alla sovranità e al diritto internazionale dimostrato dalla Russia con l’annessione della penisola della Crimea e il supporto dei separatisti necessitava una reazione per “questa violazione di principi base”. Merkel lo ha dichiarato alla RedaktionsNetzwerks Deutschland. Siccome Mosca non ha soddisfatto ancora tutti i termini degli impegni sottoscritti a Minsk, le sanzioni economiche resteranno dove sono.
Suonano meno drastiche le conclusioni del ministro degli Esteri tedesco, Frank-Walter Steinmeier, che ha dichiarato come l’Ue dovrebbe agire gradualmente nella rimozione delle sanzioni se si osservano progressi nella pacificazione ucraina.