Materie prime, in calo prezzi ferro, nickel e rame

12 Settembre 2016, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) –  In calo i prezzi delle materie prime, con il rame e il ferro che subiscono gli effetti del post Brexit segnando stamani il livello più basso dal mese di giugno.

Il greggio segna 1,7% a 47,40 dollari a barile come conseguenza delle voci su un possibile rialzo dei tassi di interesse a breve. Niv Dagan, direttore esecutivo presso Peak Asset Management LLC a Melbourne, parlando a Bloomberg Radio ha affermato:

“Le banche centrali sono riluttanti a aggiungere ulteriori stimoli e ciò sta causando molta preoccupazione. Ci aspettiamo un ulteriore aspetto negativo nel breve termine. Dobbiamo però aspettare e rimanere cauti”.