L’Ue prepara la stretta sulle aziende straniere che ricevono aiuti di stato

5 Maggio 2021, di Alberto Battaglia

La Commissione europea ha annunciato l’avvio di una nuova iniziativa legislativa il cui obiettivo sarà mettere al riparo le aziende Ue da acquisizioni da parte di imprese straniere che ricevono sussidi di stato.

“Una delle regole più antiche che abbiamo è che non permettiamo sussidi che danneggiano la concorrenza leale”, ha dichiarato la vicepresidente della Commissione, Margrethe Vestager, “per più di sessant’anni, le nostre norme sugli aiuti di Stato hanno assicurato che gli aiuti dei governi europei non minassero la concorrenza leale sul nostro mercato. Ma fino ad ora, le aziende sono state libere di utilizzare i sussidi esteri per acquistare attività qui in Europa”.

La Commissione, secondo i termini della sua proposta, acquisirebbe il potere di bloccare le operazioni di scalata mosse da società che hanno ricevuto almeno 50 milioni di euro in sussidi esteri e che cerchino di rilevare attività per un valore superiore ai 500 milioni di euro.

La commissione andrebbe anche ad esaminare le offerte nei processi di appalto pubblico, laddove il valore stimato raggiunga almeno i 250 milioni di euro.