Lisippo: no alla fusione tra Bpm e Banco Popolare

3 Ottobre 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – ‘Si sta chiedendo alla Bpm di annullarsi per salvare il Banco Popolare: un sacrificio che non verra’ in alcun modo ricompensato’. Cosi’ l‘associazione Lisippo, uno dei riferimenti dei soci pensionati di Bpm, ribadisce il suo “no” all’aggregazione col Banco Popolare.  L’assemblea dell’associazione ha eletto il proprio direttivo, composto ‘da tre pensionati e due colleghi in servizio’, ovvero attualmente dipendenti Bpm. Alla presidenza è stato riconfermato Giovanni Bianchini.