Legge bilancio: congelata la cedolare secca per chi affitta casa su Airbnb

21 Novembre 2016, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Congelata la norma Airbnb nella legge di bilancio 2017. Durante i lavori della commissione Bilancio, l’esecutivo ha deciso stralciare dal testo la proposta di una cedolare secca al 21% per i proprietari di case che affittano per brevi periodi, utilizzando i servizi delle piattaforme web. A darne notizia il premier Matteo Renzi  mentre il presidente della Commissione bilancio Francesco Boccia ha manifestato tutta la sua contrarietà:

“Sulla norma Airbnb che riguarda banalmente la cedolare secca per i B&B evitiamo demagogia e propaganda non solo sul fisco ma almeno sul tema molto serio della sicurezza e delle tasse comunali evase. Serve una risposta chiara da parte del governo. Stiamo parlando della possibilità per chi affitta la propria casa per brevi periodi di utilizzare la cedolare secca, non c’è alcuna nuova tassa. Chi si è schierato contro questa misura o è in malafede o è solo ignorante, tertium non datur”.

Oltre al congelamento della norma Airbnb, la commissione Bilancio ha accantonato gli emendamenti che prevedono l’obbligo di partita Iva italiana per chi vende servizi e pubblicità online in Italia, la cosidetta Web Tax.