Lavoro: con il Jobs Act è boom di cuochi, baristi e impiegati

26 Aprile 2017, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Con il Jobs Act le professioni che hanno riscosso maggior successo sono quelle di impiegati, segretarie, cuochi, camerieri, baristi, agenti assicurativi e finanziari.

A renderlo noto la Cgia di Mestre che ha stilato una classifica dei lavori top e down tra il 2014 e 2016. Le categorie più penalizzate sono quelle di camionisti/autisti, gli operai/artigiani specializzati nelle rifiniture e nelle costruzioni, i collaboratori domestici non qualificati, i sarti e gli operai del tessile/abbigliamento, i bancari e i periti in campo ingegneristico/edilizio.