L’Aquila, protesta contro restituzione tasse chiesta da Commissione UE

17 Aprile 2018, di Livia Liberatore

Secondo la Commissione europea, alcune aziende a L’Aquila hanno beneficiato delle agevolazioni fiscali concesse dopo il terremoto del 2009 pur non essendo state colpite dal sisma, per nulla o solo in minima parte. Chi ha ottenuto i soldi senza averne diritto, per esempio quelle imprese che avevano la sede legale nel capoluogo abruzzese ma operavano da un’altra parte, dovrà sanare la situazione con il pagamento per intero, come richiesto dalla Commissione Europea, invece che con abbattimento del 60% come previsto dalla legge, delle tasse sospese. All’Aquila si è tenuta lunedì una manifestazione per protestare contro le misure della Commissione.