La Grecia ha chiesto 3 miliardi anche alla Banca Mondiale

3 Marzo 2017, di Alberto Battaglia

Mentre sono ancora in corso i negoziati fra i creditori esteri e la Grecia per l’erogazione dei nuovi finanziamenti necessari al salvataggio delle finanze del Paese, Atene gioca una nuova carta: chiedere un prestito alla Banca Mondiale. Il mandato di quest’organizzazione, però, è quello di aiutare il finanziamento di progetti nei Paesi in via di sviluppo, una categoria nella quale difficilmente potrebbe essere inserita la Grecia. Il piano del governo Tsipras sarebbe quello di farsi accordare 3 miliardi di euro per finanziare un programma volto a creare 100mila posti di lavoro all’anno per 3 anni. Un funzionario dell’esecutivo ha dichiarato che Atene è ben consapevole che le chance di successo per questa richiesta non sono molte.

“Il Governo greco ha chiesto alla Banca Mondiale di fornire assistenza tecnica e finanziaria per affrontare le pressanti sfide del momento, tra cui la disoccupazione a lungo termine, la competitività, la crescita economica e le questioni sociali”, ha confermato un portavoce della Banca Mondiale.