Johnson promette un ruolo attivo dello stato nell’economia britannica

29 Giugno 2020, di Alberto Battaglia

Il premier britannico Boris Johnson ha assicurato che lo stato assumerà una veste “interventista” nell’ambito della ripresa economica post-pandemia. “Credo personalmente che il governo deve mantenere adesso un approccio attivista e interventista”, ha dichiarato il primo ministro, “ma questo è il modo anche per ridare fiducia agli affari, per iniziare a investire, a parlare di nuovo con le persone, creare nuovi posti di lavoro e produrre nuova crescita”.

La presa di posizione di Johnson è di particolare peso politico, considerato il tradizionale approccio di stampo liberista del partito conservatore britannico, meno incline a ruolo preminente dello stato nell’economia rispetto ai laburisti.