Italia: ordini all’industria aumentati a inizio 2016

24 Marzo 2016, di Daniele Chicca

Dopo quelle negative del bollettino della Bce, arrivano nel complesso notizie positive dal fronte macro italiano. Nel primo mese dell’anno, quando Mario Draghi non aveva ancora annunciato le nuove misure di stimolo straordinarie, il fatturato dell’’industria italiana, al netto della stagionalità, ha registrato un miglioramento dell’’1% rispetto a dicembre 2015, con variazioni positive sia sul mercato interno (+1,2%) sia su quello estero (+0,4%).

Nella nota diffusa stamattina l’Istat ha precisato che “corretto per gli effetti di calendario, il fatturato dell’industria ha evidenziato un calo tendenziale dello 0,3%”, “sintesi di una flessione dello 0,6% sul mercato interno e un incremento dello 0,3% su quello estero”. Nel 2016 i giorni lavorativi sono stati 19 a gennaio contro i 20 dell’analogo mese nel 2015.

Gli ordini all’industria sono invece aumentati dello 0,7% su base congiunturale dopo il -2,8% dell’ultima lettura. Si segnalano variazioni positive per gli ordinativi interni (+0,6%) e per quelli esteri (+0,8%). Rispetto a gennaio di un anno prima, l’’indice grezzo degli ordini ha messo a referto un incremento dello 0,1%.