Istat, ripartite a giugne le vendite al dettaglio

31 Luglio 2020, di Alberto Battaglia

Le vendite al dettaglio sono aumentate del 12,1% congiunturale a giugno, con un incremento del 12,5% in volume. Balzo per le vendite di beni non alimentari, su del 24,4% in valore. Su base annua le vendite sono risultate in calo del 2,2%.

Per quanto riguarda i dati relativi al secondo trimestre l’Istat ha rilevato un calo del 7,9% rispetto alla prima parte dell’anno.

“Per quanto riguarda i beni non alimentari, si registrano variazioni tendenziali piuttosto eterogenee tra i gruppi di prodotti. Gli aumenti maggiori riguardano Dotazioni per l’informatica, telecomunicazioni, telefonia (+15,1%) e Mobili, articoli tessili e arredamento (+10,4%). Le flessioni più marcate si evidenziano, invece, per Calzature, articoli in cuoio e da viaggio (-12,8%) e Abbigliamento e pellicceria (-12,3%)”.