Istat, mercato del lavoro: crescono le retribuzioni dell’1,1%

28 Gennaio 2016, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Invariato nel mese di dicembre l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie rispetto al mese precedente mentre aumenta dell’1,3% nei confronti di dicembre 2014. Lo dice l’Istat secondo cui la retribuzione oraria nella media del 2015 è cresciuta dell’1,1% rispetto ad un anno fa.

Registrano a dicembre un incremento tendenziale dell’1,8% per i dipendenti del settore privato e una variazione nulla per quelli della pubblica amministrazione invece le retribuzioni contrattuali orarie riferite ai principali settori come energia e petrolio (4,4%), estrazioni minerali (4,2%), energia elettrica e gas (3,9%). Nulle invece le variazioni nel settore delle telecomunicazioni, del credito e assicurazioni e in tutti i comparti della pubblica amministrazione.

L’Istat inoltre rivela che l’attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è in media di 56,4 mesi per l’insieme dei dipendenti e di 35 mesi per quelli del settore privato. Alla fine di dicembre la quota dei dipendenti in attesa di rinnovo è del 39,1% nel totale dell’economia e del 21,3% nel settore privato.