Istat, lavoro: ritmi produttivi lenti si riflettono sull’occupazione

6 Settembre 2019, di Alessandra Caparello

La debolezza dei ritmi produttivi si è riflessa anche sul mercato del lavoro, determinando l’interruzione della crescita delle unità di lavoro e delle ore lavorate che aveva caratterizzato i mesi precedenti. Così scrive l’Istat nella nota mensile sull’andamento dell’economia italiana.

Le unità di lavoro si sono mantenute sui livelli del trimestre precedente mentre le ore lavorate hanno segnato una lieve diminuzione (-0,1%) ma i segnali di rallentamento del mercato del lavoro si sono estesi anche a luglio quando il numero di occupati è risultato in lieve calo rispetto al mese precedente (-0,1%).