Istat: in crescita la forza lavoro, calano gli inattivi

15 Dicembre 2020, di Alessandra Caparello

Tra la popolazione residente di 15 anni e più, le forze di lavoro ammontano al 52,5%, dal 50,8% del censimento 2011 mentre calano gli inattivi (47,5% da 49,2%. Così rivela l’Istat nel consueto Censimento permanente
della popolazione e delle abitazioni.

Gli occupati salgono al 45,6% dal 45,0% del 2011 (23.662.471 da 23.017.840), mentre la quota di disoccupati passa invece dal 5,8% al 6,9%. Anche se di poco, aumenta la quota di donne occupate. Se nel 2011 la componente femminile rappresentava il 41,8% degli occupati (9.621.295), nel 2019 sale al 42,4%. La maggiore partecipazione
delle donne al mercato del lavoro è confermata dalla variazione intercorsa tra il 2011 e il 2019 che è
stata per gli uomini pari a +1,7% (+233.895 unità) e per le donne di +4,3% (+410.736).