Istat, export extra Ue in netto calo a novembre

20 Dicembre 2019, di Alberto Battaglia

Le esportazioni italiane dirette verso i Paesi non-Ue si sono ridotte dell’8,1% a novembre, con una variazione su base annua del 3,1%. Parallelamente si sono ridotte anche le importazioni, con una variazione mensile negativa dello 0,9% e del 10,7% su base annua (in particolare grazie alle minori importazioni di energia, -20,7%).

“L’ampia diminuzione congiunturale e tendenziale dell’export verso i paesi extra Ue  è influenzata dalle movimentazioni occasionali di elevato impatto (cantieristica navale) verso gli Stati Uniti, registratesi a ottobre 2019 e a novembre dello scorso anno”, ha spiegato l’Istat. In particolare la flessione mensile delle esportazioni ha interessato i beni strumentali (-19,6%).

Tra i mercati di sbocco, l’export su base annua è diminuito con forza verso Cina (-15,4%), Stati Uniti (-10,4%) e paesi OPEC (-10,1%). In aumento, le esportazioni verso Giappone (+17,8%), Turchia (+13,3%) e Svizzera (+11,4%).