ISIS stampa passaporti fasulli e ha infiltrati in Usa

11 Dicembre 2015, di Daniele Chicca

Allarme dell’intelligence americana: l’ISIS potrebbe aver infiltrato all’interno dei confini degli Stati Uniti alcuni dei suoi membri, grazie all’utilizzo di passaporti tarocchi ma che sembrano autentici e che sono stati stampati da macchine speciali in possesso di alcuni dei rappresentanti dell’organizzazione criminale jihadista.

“Da quando le due città sono cadute nelle mani dello Stato Islamico (ISIS) – spiega un rapporto dei servizi segreti Usa – è possibile che individui dalla Siria con passaporti rilasciati da queste città o che avevano il passaporto in bianco, siano entrati negli Stati Uniti”.

I documenti di identità fasulli vengono stampati in un ufficio a Deir ez-Zour, in Siria, e forse anche a Raqqa, città dove l’ISIS ha creato un feudo politico ed economico e che ha nominato capitale del nuovo Califfato. I territori conquistati dal gruppo sovversivo di ribelli nella regione mediorientale si estendono dalla Siria all’Iraq e sono grandi quanto la Gran Bretagna.