Isis: “il califfo Al Baghdadi trasferito dalla Cia e curato in Turchia”

10 Dicembre 2015, di Alessandra Caparello

TEHERAN (WSI) – Il leader dell’Isis Abu Bakr al Baghdadi  gravemente ferito in un raid dell’aviazione irachena lo scorso ottobre, sarebbe stato curato in una località sconosciuta della Turchia, in seguito ad  un trasferimento fatto dalla Cia in coordinamento con i servizi di intelligence turca e poi riportato a Sirte, capoluogo del Califfato in Libia.

La notizia arriva dall’agenzia di stampa iraniana Fars e se fosse confermata getterebbe sulla Turchia l’accusa di essere complice dell’ISIS, dopo le accuse della Russia, secondo cui farebbe affari acquistando con il traffico illegale di petrolio dai territori controllati dagli islamisti sunniti. Un’altra accusa ricorrente ad Ankara è quella di accogliere i combattenti Isis feriti nei propri ospedali.

Intanto le forze dell’Isis sono in rapida espansione nel territorio libico dove una colonna è stata bloccata da raid aerei del governo di Tobruk alla periferia di Bengasi.