Isis: attacchi suicidi sulle coste della Siria, almeno 120 morti

23 Maggio 2016, di Alberto Battaglia

Una serie di attacchi suicidi dell’Isis è costato la vita a più di 120 persone in alcune località costiere della Siria; i media nazionali riferiscono che nelle città di Tartus e Jableh i morti sono almeno 78. Secondo il Syrian Observatory for Human Rights sono stati sette gli attacchi kamikaze solo in queste due città.

I bersagli non sono casuali: si tratta di due roccaforti del governo siriano di Bashar al-Assad, e, nel caso di Tartus, in queste ore sono presenti anche milizie russe e un’importante base navale. Gli attacchi bomba hanno colpito stazioni degli autobus in entrambe le città.

Il bilancio dei morti comunicato dall’Osservatorio è più severo: 73 sarebbero i morti a Jableh e 48 a Tartus.