ISIS distrugge moschea Mosul, “ammissione di sconfitta”

22 Giugno 2017, di Mariangela Tessa

Il primo ministro iracheno Haider al-Abadi afferma che la distruzione della moschea di Mosul da parte dell’Isis è una ammissione della sconfitta dei jihadisti.

“Il bombardamento di Daesh del minareto al-Hadba e della moschea al-Nuri è una dichiarazione formale della loro sconfitta”, ha scritto oggi Abadi in un tweet usando l’acronimo arabo per il gruppo di stato islamico.

Immediata la risposta dell’Isis che, in un comunicato pubblicato dalla propria agenzia di propaganda Amaq, ha attribuito la distruzione della moschea a un raid americano. Interpellati dalla Cnn, funzionari Usa hanno definito l’accusa “falsa al 1.000%”.