11:46 giovedì 4 Ottobre 2018

Interbrand: quali sono i marchi di maggior valore al mondo

I brand di maggior valore al mondo sono Apple, Google e Amazon secondo il consueto rapporto annuale di Interbrand.

Il colosso di Cupertino nel 2018 ha toccato un valore di 214 miliardi di dollari. Apple e Google hanno occupato i primi due posti per sei anni consecutivi, secondo il rapporto Best Global Brands di Interbrand, mentre Facebook è scivolato al nono dopo essere stato il marchio in più rapida crescita da cinque anni. Nel frattempo i marchi che hanno raggiunto i primi 100 nel 2017 ma sono stati espulsi quest’anno sono tra gli altri Tesla, Thomson Reuters, Moët & Chandon e Smirnoff.

 

Breaking news

9/04 · 17:11
Vincerx Pharma, forte calo dopo i dati sulla terapia antitumorale sperimentale

Vincerx Pharma registra un forte calo in borsa a seguito della presentazione dei dati preliminari deludenti dello studio di Fase 1 sulla terapia antitumorale sperimentale VIP236. Solo 7 pazienti su 15 hanno mostrato una stabilizzazione della malattia, causando reazioni negative tra gli investitori.

9/04 · 16:28
Wall Street apre in positivo: S&P a +0,35%

Wall Street mostra segni positivi all’apertura, con gli investitori che attendono con interesse i prossimi dati sull’inflazione. Gli ultimi indicatori economici suggeriscono un mercato del lavoro e un’economia statunitense robusti, influenzando le aspettative sui tassi d’interesse.

9/04 · 15:43
T-Bond, prezzi in rialzo in attesa dei dati sull’inflazione

L’articolo discute l’incremento dei prezzi dei titoli del Tesoro statunitensi in previsione della pubblicazione dei dati sull’inflazione di marzo. Analizza le aspettative del mercato riguardo ai tassi d’interesse, il sentiment degli analisti e le dichiarazioni dei banchieri della Fed, oltre a fornire dettagli sui rendimenti dei titoli a varie scadenze.

9/04 · 14:31
HSBC si appresta a lasciare l’Argentina: perdita da oltre 1 miliardo

HSBC si appresta a vendere la sua divisione argentina a Grupo Financiero Galici per 550 milioni di dollari, affrontando una perdita di 1 miliardo di dollari. La cessione fa parte di una strategia di razionalizzazione che punta sui mercati asiatici, nonostante le rassicurazioni sulla limitata influenza di questa operazione sul CET 1 ratio e sul dividendo.

Leggi tutti