Inps: oltre 63% pensionati percepisce meno di 750 euro

30 Marzo 2016, di Alberto Battaglia

Sono più di 18 milioni le pensioni erogate dall’Inps (al netto delle delle gestioni dipendenti pubblici ed ex-Enpals) per una spesa complessiva di 196,8 miliardi di euro liquidata nel 2015. Questi i dati emersi dall’Osservatorio sulle pensioni dell’Inps, che hanno evidenziato anche come il 63,4% delle pensioni non supera i 750 euro, percentuale che sale al 77,1% nel caso delle donne. La soglia dei 750 euro è considerata un indice di povertà, che in questo caso, però va messo in relazione con il fatto che spesso viene percepito più di un assegno.

Le prestazioni di tipo assistenziale, quelle non legate ai contributi previdenziali, sono costituite per il 22,3% da pensioni e assegni sociali, il restante 77,7% delle prestazioni sono erogate ad invalidi civili sotto forma di pensione o indennità. Lo scorso anno, sono state liquidate 1.120.638 nuove prestazioni pensionistiche, il 51% di esse è di natura assistenziale.

Le prestazioni di tipo previdenziale, invece, sono costituite per il 66,1% da pensioni di vecchiaia, categoria che comprende anche le pensioni anticipate e di anzianità oltre che i prepensionamenti, erogate nel 55,4% dei casi a uomini. Il 7,4% sono invece pensioni di invalidità previdenziale (il 48,8% erogate a maschi), mentre il 26,5% pensioni ai superstiti (l’88,1% erogate a donne).