Inps: oltre 5 milioni le pensioni sotto i 1000 euro

4 Luglio 2018, di Alessandra Caparello

Risponde a Matteo Salvini sulla questione migranti il presidente dell’Inps Tito Boeri presentando la relazione annuale dell’istituto.

“La storia ci insegna che quando si pongono forti restrizioni all’immigrazione regolare, aumenta l’immigrazione clandestina e viceversa: in genere, a fronte di una riduzione del 10% dell’immigrazione regolare, quella illegale aumenta dal 3 al 5%”.

Boeri inoltre sottolinea anche le cifre che servono per realizzare la famosa quota 100 prevista dal governo.

Quota 100 pura costa fino a 20 miliardi all’anno, quota 100 con 64 anni minimi di età costa fino a 18 che si riducono a 16 alzando il requisito anagrafico a 65 anni, quota 100 con 64 anni minimi di età e il mantenimento della legislazione vigente per quanto riguarda i requisiti di anzianità contributiva indipendenti dall’età costa fino a 8 miliardi. Ripristinando le pensioni di anzianità con quota 100 (o 41 anni di contributi) si avrebbero subito circa 750.000 pensionati in più”.

Nella relazione si sottolinea che nel 2017 i pensionati Inps sotto i mille euro al mese sono pari a 5 milioni e 548 mila, il 35,9% del totale (15 milioni e 477 mila). Inoltre l’Istituto evidenzia come i lavoratori dipendenti coinvolti in rapporti di lavoro a tempo determinato e di apprendistato tra il 2016 e il 2017 “sono aumentati significativamente, passando da 3,7 milioni a 4,6 milioni”, in crescita quindi di “quasi un milione” mentre si registra un calo per gli occupati a tempo indeterminato.