Inflazione: per Jupiter AM le forze deflazionistiche continuano a dominare, ecco perché

3 Giugno 2021, di Mariangela Tessa

Ogni giorno sembra portare nuove notizie sull’imminente ritorno dell’inflazione. È l’inizio di un nuovo trend?

Secondo Ariel Bezalel, Head of Strategy, and Harry Richards, Fund Manager, Fixed Income di Jupiter AM. “rimarremo in un ambiente di bassi tassi d’interesse per molto tempo. Mentre ci sarà senza dubbio un picco nella crescita e nell’inflazione una volta che le economie riapriranno, crediamo che questo sarà principalmente dovuto a effetti di base e ad alcune difficoltà temporanee nell’offerta, e che queste pressioni svaniranno dopo uno o due trimestri al massimo. Nel breve termine, le pressioni inflazionistiche fluttueranno, ma come investitori che cercano di bilanciare rischio e rendimento, guardiamo alle tendenze a lungo termine. L’inflazione strutturale ovunque è tenuta sotto controllo dai fattori combinati del troppo debito, della “zombificazione” del settore aziendale, dell’invecchiamento demografico e delle perturbazioni dovute alla globalizzazione, alla tecnologia e al lavoro a basso costo.
La buona notizia è che il successo della diffusione del vaccino nei mercati sviluppati ha creato un livello di giustificato ottimismo. Ciò che rimane più difficile da definire è se le incredibili valutazioni del credito aziendale e delle azioni potranno essere sostenute nel caso in cui il supporto delle banche centrali venisse rimosso. Anche se sembra che le banche centrali non vogliano smuovere le acque per ora (non ci aspettiamo alcun aumento dei tassi negli Stati Uniti per anni, in effetti), i problemi strutturali sottostanti giustificano la cautela”.