Goldman Sachs patteggia, paga 5 miliardi per le cartolarizzazioni sui mutui

15 Gennaio 2016, di Alberto Battaglia

Goldman Sachs ha deciso di patteggiare e di risolvere col pagamento di 5 miliardi le dispute legali che hanno messo sotto accusa gli Rmbs emessi dalla banca d’affari americana. La sigla sta per residential mortgage-backed securities, cartolarizzazioni di mutui che hanno contribuito al rigonfiamento della bolla immobiliare del 2008, con il conseguente crollo di tali titoli. Goldman Sachs ha quindi raggiunto l’accordo con il Dipartimento di Giustizia, i procuratori degli stati di New York e Illinois, la National Credit Union Administration, e le Federal Home Loans Banks di Chicago e Seattle per la risoluzione delle cause civili. Nello specifico la banca d’affari pagherà 2,5 miliardi in sanzioni, e dovrà restituire ai consumatori danneggiati 875 milioni cash più 1,8 miliardi tramite vari programmi.