Goldman Sachs: al via battaglia in tribunale contro fondo sovrano libico

13 Giugno 2016, di Alessandra Caparello

LONDRA (WSI) -Al via questa settimana alla Corte di Londra il processo che vede testa a testa il Fondo sovrano della Libia con la Goldman Sachs in merito all’accusa mossa dai libici di aver deliberatamente utilizzato l’inesperienza dei suoi funzionari per intascare profitti per 350 milioni di dollari su un miliardo di dollari di transazioni.

Il caso è uno di quelli sotto stretta osservazione nella City di Londra, per cui la LIA, Libyan Investment Authority sta tentando di recuperare 1,2 miliardi di dollari dal gigante di Wall Street per 9 compravendite contestate effettuate nel 2008. La LIA cita nel suo atto d’accusa un periodo di stage che la Goldman Sachs ha fornito ad Haitem Zarti, il fratello di Mustafa Zarti, ex vice capo della LIA e da qui “l’indebito condizionamento” per trarne profitto. Intanto la Goldman Sachs nega tutte le accuse, indicandole come prive di fondamento.