Giappone, due piattaforme di scambio criptovalute verso chiusura

29 Marzo 2018, di Livia Liberatore

Due piattaforme di scambio di criptovalute in Giappone stanno smettendo di operare a causa di una più stretta sorveglianza da parte delle autorità in seguito alla vicenda di Coincheck, che, vittima di hacker, ha visto il furto di 530 milioni di dollari a gennaio. Tokyo GateWay e Fukuoka hanno ritirato le loro domande per registrarsi con l’agenzia di vigilanza finanziaria del Paese, la Financial Services Agency (FSA), secondo un rapporto del Nikkei Asian Review. A seguito del furto di Coincheck, la FSA ha condotto ispezioni in tutti e 32 gli scambi di criptovalute nel Paese per determinare quali misure di sicurezza fossero in atto per garantire la sicurezza delle risorse dei clienti. Sono state riscontrate carenze in alcune piattaforme, due delle quali erano Tokyo GateWay e Mr Exchange.