Furbetti del cartellino: 23 casi a Napoli. Scatola in testa per nascondersi

12 Luglio 2016, di Alessandra Caparello

NAPOLI (WSI) – Domani è il giorno X, quello in cui entreranno in vigore le nuove norme contro i furbetti del cartellino, contenute nel decreto Madia.

In base alle nuove regole, il dipendente pubblico colto a timbrare il badge e poi andare via, verrà sospeso in 48 ore, restando senza stipendio (solo un’indennità) ed entro 30 giorni dovrà essere concluso l’iter per il licenziamento. Sarà punito anche il dirigente che non fa nulla.

Intanto un altro scandalo che riguarda assenteisti del pubblico impiego arriva dal Comune di Boscotrecase, in provincia di Napoli. Oltre 200 episodi di assenteismo e 23 dipendenti che timbravano e andavano via. Uno di loro addirittura, pur di non rendersi riconoscibile, strisciava due badge, coprendosi la testa con una scatola di cartone. A smascherare i furbetti i carabinieri della compagnia di Torre Annunziata che stamattina hanno dato esecuzione a 23 misure cautelari.

Le nuove regole contro i furbetti del cartellino si applicano agli illeciti disciplinari commessi successivamente alla data di entrata in vigore” del testo, quindi da domani mercoledì 13 luglio.