Fs: la fusione con Anas non esclude la quotazione

30 Maggio 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – Il progetto di fusione tra Ferrovie e Anas non esclude la quotazione, prevista nel 2017, per il gruppo. Lo ha confermato il ministro dei traporti Graziano Delrio a margine del World Congress Railway Research al via oggi alla Fiera di Rho, che ha specificato che “gli elementi conoscitivi” del tavolo di lavoro sulla fusione di Fs con Anas “saranno noti entro l’estate, quindi potremo ragionare tenendo insieme entrambi i progetti”.

Sempre oggi l’amministratore delegato delle Fs, Renato Mazzoncini, in una conferenza stampa, ha annunciato che “di aver appena deliberato di usare la forma del bond per il taglio di 1,8 miliardi di euro per finanziare investimenti in materiale rotabile”. Il manager ha spiegato che questa nuova tranche rientra nel programma da 4,5 miliardi di euro già noto.

I nuovi mezzi serviranno “per finanziare investimenti in materiale rotabile. Dobbiamo organizzare il road show, è un’operazione che contiamo di fare nei prossimi mesi. Un’operazione per finanziare la cassa 2016. Il momento è favorevole”, ha spiegato. Mazzoncini ha poi aggiunto che le Fs stanno “valutando anche l’utilizzo di green bond: è una delle cose più interessanti che stiamo studiano”, ha affermato, aggiungendo infine che “Stiamo lavorando sul piano industriale e per la fine di settembre lo approveremo. Sarà un piano di forte turnaround”.