Francia, manifestazioni violente e scioperi contro la legge sul lavoro

12 Settembre 2017, di Livia Liberatore

Giornata di proteste in Francia contro la riforma delle leggi sul lavoro voluta dal presidente Emmanuel Macron. Circa 180 manifestazioni sono state organizzate in tutto il Paese e sono stati depositati 4mila avvisi di sciopero. La protesta è stata indetta dalla CGT, uno dei maggiori sindacati francesi. Nella prima giornata di mobilitazione contro la riforma del Codice del lavoro voluta dal presidente la polizia ha usato gas lacrimogeni per disperdere i partecipanti alla manifestazione, dopo il lancio di oggetti da parte di gruppi di dimostranti contro la polizia. Due persone sono state fermate.

Macron, in netto calo nei sondaggi sugli indici di gradimento, spera in una partecipazione limitata alle proteste e continua a sostenere la riforma su cui si fonda la sua strategia politica ed economica dei prossimi cinque anni. La riforma proposta dalla nuova maggioranza è di orientamento più liberale rispetto a quella presentata dall’ex presidente Francois Hollande, con più flessibilità prevista in entrata e in uscita. Il governo difende il suo operato, sottolineando di aver consultato a lungo le parti sociali prima di arrivare al progetto di legge.