Ford: utili deludono, rischi da Brexit e valutario per il 2016

28 Luglio 2016, di Daniele Chicca

I profitti registrati da Ford Motor si sono rivelati peggiori delle attese nello scorso trimestre. Motivo per cui la casa automobilistica di Detroit ha ipotizzato dei rischi di non riuscire a rispettare le linee guida per il 2016. Tra i fattori negativi citati, il possibile impatto della Brexit e le fluttuazioni valutarie e dei costi nel lancio di nuovi modelli di auto nel secondo semestre.

Ford ha chiuso il periodo con un profitto netto pari a 2 miliardi di dollari, 49 centesimi per azione, in calo di 190 milioni, 5 centesimi per azione, rispetto allo stesso periodo del 2015. Escludendo le voci straordinarie, l’utile è stato di 52 centesimi per azione, di otto centesimi meno dei 60 centesimi previsti dagli analisti. Il fatturato è invece cresciuto più del previsto, di 2,2 miliardi a 39,5 miliardi di dollari. In questo caso le attese erano per un risultato di 36,31 miliardi.