Fmi, banche italiane: bene riduzione Npl ma permane bassa redditività

29 Gennaio 2020, di Alessandra Caparello

Bene gli sforzi compiuti dalle banche italiane per il taglio agli Npl ma permane la bassa redditività. Così il Fondo monetario internazionale riconosce come in tre anni l’incidenza dei Non performing loans nelle banche sia passata dal 16% del 2016 al 7,3% nel 2019.

Tuttavia permane un “basso potenziale di crescita della raccolta, costi operativi stutturalmente elevati, difficoltà sui modelli di business e debolezza di governance”.