Fitch: sotto osservazione rating paesi esportatori di greggio

8 Dicembre 2015, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – La caduta del prezzo del petrolio continuera’ anche nel corso del 2016 a pesare sul profilo di credito dei paesi esportatori. E’ la previsione degli analisti di Fitch che, in una nota odierna, avverte che “l’impatto potrebbe tradursi in iniziative negative sui rating”.

Nello stesso rapporto, Fitch prevede un prezzo medio del Brent pari a 55 dollari al barile nel 2016 e a 65 dollari nel 2017.

Il progressivo ridimensionamento delle quotazioni del greggio da meta’ 2014 hanno gia’ avuto varie ricadute sui rating sovrani. Nell’ultimo anno, gli analisti di Fitch hanno tagliato cinque valutazioni sovrane di Paesi in cui il petrolio rappresentava un’ampia fetta delle entrate del Governo o della bilancia commerciale.

In particolare, sotto la lente degli analisti sono finiti paesi come l’Arabia Saudita, Nigeria e Repubblica del Congo sono stati rivisti al ribasso a negativo da stabile.