Fallimenti aziendali in calo del 4,5% nel primo trimestre

24 Maggio 2016, di Alberto Battaglia

I segnali di ripresa del Paese si osservano anche sul fronte dei fallimenti: secondo le rilevazioni del Cerved nel primo trimestre dell’anno, infatti, il numero delle imprese che hanno aperto una procedura fallimentare è sceso del 4,5% rispetto allo stesso periodo di una anno fa, a 3.600. Il trend decrescente c’è nonostante il numero dei fallimenti resti a “livelli storicamente elevati”, afferma Marco Nespolo, ad di Cerved.

“Il 2016 si è aperto all’insegna della continuità con i positivi risultati del 2016 che suggeriscono un atterraggio morbido dopo l’impennata dei default degli anni scorsi. Prosegue il calo dei fallimenti e, a ritmi più intensi, quello delle altre procedure concorsuali, favorito dal minore utilizzo del concordato preventivo”

“Non ci preoccupa l’aumento di liquidazioni volontarie” prosegue Nespolo, “perché spiegato da chiusure di società dormienti, mentre sono incoraggianti i dati relativi a segmenti fortemente colpiti dalla crisi, come il Mezzogiorno, i cui fallimenti si riducono di circa il 10% e l’edilizia, che fa registrare un calo del 12%”.