Eurozona: tasso di dissocupazione ai minimi da metà 2009

2 Marzo 2017, di Alessandra Caparello

BRUXELLES (WSI) – Stabile ai livelli minimi da metà 2009, il tasso di disoccupazione dell’area euro che si attesta a gennaio al 9,6%. A renderlo noto l’Eurostat secondo cui il dato ha lo stesso valore di quello registrato a dicembre 2016.

Calano in termini assoluti di 56mila unità il numero totale dei disoccupati nell’Unione valutaria fermi a 15 milioni 6209 mila. L’Italia è la sola grande economia della Ue in cui il tasso di disoccupazione aumenta, passando da 11,6% a 11,9%. Aumenta anche a Cipro e in Danimarca, mentre in Germania cala dal 4,4% al 3,8%, in Francia dal 10,2% al 10%, in Spagna dal 20,6% al 18,2%.