Eurostat: Pil zona euro in calo del 6,8% nel 2020

16 Febbraio 2021, di Mariangela Tessa

Eurostat ha rivisto lievemente al rialzo la stima di crescita del Pil della zona nel quarto trimestre 2020 rispetto al terzo, ora indicata a -0,6% (da -0,7%).
Nella Ue il pil è indicato a quota -0,4% (da -0,5%). Nel terzo trimestre il pil era cresciuto del 12,4% nell’area euro e dell’1,5% nella Ue.

Rispetto al quarto trimestre 2019 il pil è calato rispettivamente del 5% e del 4,8% dopo -4,3% e -4,2% nel terzo trimestre.

Tra le grandi economia è quella italiana che rispetto al terzo trimestre misura la caduta più forte: -2% (invariato rispetto alla stima preliminare). Confermati Pil Francia -1,3%; Spagna +0,4%; Germania +0,1%.

Secondo una prima stima della crescita annuale per il 2020, prosegue Eurostat, basata su dati trimestrali destagionalizzati e di calendario, il Pil è diminuito del 6,8% nell’area dell’euro e del 6,4% nell’Ue a 27.