Eurispes: italiani bocciano Sistema sanitario italiano

26 Gennaio 2017, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Non è soddisfatto del Sistema sanitario nazionale il 54,3% degli italiani conto il 45,6%. A renderlo noto il rapporto Italia 2017 redatto dall’Eurispes secondo cui dal 2010 il livello di gradimento dell’Italia non è cambiato molto con giudizi negativi più alti di quelli positivi di ben 15 punti.

Andando nel dettaglio del rapporto emerge che il 50,5% degli italiani per le cure specialistiche e/o interventi chirurgici preferisce generalmente rivolgersi agli ospedali pubblici, contro il 25,7% invece predilige gli ospedali privati.

Quale disagio è più frequente tra gli italiani? Sicuramente le lunghe liste di attesa per gli esami secondo il 75,5% degli intervistati.  Oltre la metà (53,2%) ha dovuto attendere troppo per interventi chirurgici, quasi la metà (48,9%) indica una scarsa disponibilità del personale medico ed infermieristico.

Il 42,2% inoltre denuncia strutture mediche fatiscenti, e il 41,8% condizioni igieniche insoddisfacenti. Il 31,95% degli italiani nellultimo anno ha rinunciato alle cure dentistiche a causa dei costi eccessivi e solo il l 57,8%, ha fiducia nellefficacia dei vaccini antinfluenzali.

Sull’uso dei farmaci, il 21,2% fa uso di medicinali non convenzionali (+6,7% rispetto al 2012) e l’omeopatia è la cura alternativa più diffusa (76,1%), a seguire fitoterapia (58,7%), osteopatia (44,8%), agopuntura (29,6%) e chiropratica (20,4%).