Ericsson, in arrivo altri 600 esuberi: sindacati in sciopero giovedì

4 Ottobre 2017, di Alberto Battaglia

Dopo i 300 licenziamenti già inflitti ai lavoratori della Ericsson, altri 600 esuberi sono nel programma dell’azienda a livello nazionale. Nella sede genovese i dipendenti potrebbero passare, nel giro degli ultimi 10 anni da 1200 a 550. E’ stato indetto uno sciopero generale per giovedì 5 ottobre.

“Continua senza alcun argine lo spopolamento della mitica e celebrata collina degli Erzelli dove l’azienda nel 2012 ha fatto da capofila al trasferimento di altre aziende del settore”, li legge in una nota di Slc Cgil Genova, “in questi anni il Governo è rimasto fermo e non è stato fatto nulla per salvaguardare una delle eccellenze italiane nel campo delle telecomunicazioni; è un fatto grave che colpisce direttamente molti lavoratori e molte famiglie e che sta depauperando le nostre conoscenze e l’alta professionalità del settore”.

“Per rispondere all’arroganza dell’azienda  e per contrastare questa deriva che pare inarrestabile, per il prossimo giovedì 5 ottobre è organizzato uno sciopero durante il quale sarà effettuato un presidio sotto il Ministero dello Sviluppo Economico e al quale parteciperà anche la delegazione genovese”, ha concluso il sindacato.