Economia, per Visco (Bankitalia) nel 2020 Pil in frenata di circa il 10%

16 Settembre 2020, di Redazione Wall Street Italia

Intervenendo al Comitato esecutivo dell’Abi, questa mattina il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco ha evidenziato che nei primi due trimestri dell’anno la forte caduta dei consumi, degli investimenti e della domanda estera ha determinato una diminuzione cumulata del prodotto di oltre il 17%, facendolo arretrare sui livelli dei primi anni Novanta.

“Ad essa sembra far seguito – ha proseguito Visco – un consistente recupero dell’attività produttiva. Nel complesso, anche grazie alle misure di stimolo della domanda, monetarie e di bilancio, il rafforzamento della congiuntura nel trimestre in corso potrebbe essere lievemente migliore di quanto delineato in luglio nello scenario di base delle nostre previsioni.
Al momento, gli andamenti che stiamo osservando restano a grandi linee coerenti con il risultato per l’anno prefigurato in quello scenario: una caduta del PIL di poco inferiore al 10%, con una successiva, molto graduale, ripresa”.

“Sulle prospettive di crescita gravano ancora importanti rischi che richiedono chiarezza sull’orientamento delle politiche, anche nel medio periodo. La pandemia non sta evolvendo, a livello globale, come molti avevano sperato. Se protratto, l’elevato risparmio precauzionale, diffuso anche in altri paesi avanzati, può frenare la ripresa globale nei prossimi mesi, rischiando di radicarsi nei comportamenti delle famiglie e delle imprese” ha poi proseguito il governatore.