Draghi: produttività troppo debole, Eurozona faccia qualcosa

13 Marzo 2017, di Daniele Chicca

Dopo essere riuscito a sorprendere ancora una volta nell’ultima riunione di politica monetaria, nel suo intervento di oggi a Francoforte sul tema dell’innovazione e dell’imprenditoria in area euro, Mario Draghi ha risparmiato i fuochi d’artificio per un’altra occasione, concentrandosi sui modi con cui si potrebbe rilanciare una produttività fiacca.

Nelle conclusioni è racchiuso il punto cruciale espresso, ossia che la produttività è ancora deludente nella regione e che le autorità devono intervenire per spronarla. Per farlo non servono grandi sforzi: “potremmo registrare progressi importanti in termini di produttività semplicemente diffondendo in modo migliore la tecnologia che abbiamo già nell’area euro. In altre parole, c’è ancora molto da fare per invertire questa tendenza al rallentamento nella produttività aggregata e dissolvere il pessimismo sul nostro futuro”.

“Ci sono molte ragioni per le quali nell’area euro oggi una priorità è quella di affrontare il tema della crescita debole della produttività. Anche se alcuni progressi possono essere compiuti nel campo dell’innovazione, secondo me questa non è la sola questione” da affrontare. “Per l’area euro è altrettanto importante facilitare e incoraggiare la diffusione di nuove tecnologie, dalle società migliori a quelle in difficoltà”.